CHIUDI

Tutelandia

Schede e percorsi per l'intervento psicologico con minori vittime di abuso e di maltrattamento

Annalisa Vicari e Lucia Monicchi

Erickson, Trento, 2015


Incontrare, ascoltare con rispetto, cercare di comprendere, proteggere e curare bambine e bambini vittime di maltrattamento o abuso sono compiti di una complessità talora scoraggiante, anche per gli operatori più esperti. Tutelare i più piccoli significa rispettare la loro individualità, renderli consapevoli di ciò che stanno vivendo, ascoltare il loro punto di vista e tenerne conto quando si elabora un progetto in loro aiuto. Questo libro consente di accompagnare il bambino nella comprensione di ciò che ha vissuto e sta vivendo, con l’obiettivo di aiutarlo a trovare il modo migliore per superare il trauma. Dai bambini possiamo apprendere che anche le situazioni più serie sono affrontabili giocosamente, così molte attività — anche sui temi più delicati — sono proposte in forma ludica. Seguendo queste modalità operative nessuno è escluso: dallo psicologo all’assistente sociale, dall’educatore all’agente di polizia, dal medico al giudice, ognuno è responsabilizzato a fare, secondo la propria specifica competenza, ma in stretto collegamento con gli altri. Il volume è composto da una breve introduzione teorica e da numerose schede operative, organizzate in percorsi tematici corrispondenti alle diverse fasi della tutela minorile (rilevazione, valutazione, progettazione, terapia). Ogni scheda richiede — con l’aiuto del simpatico canguro Brownie — la partecipazione attiva del bambino, a cui viene richiesto di disegnare, raccontare una storia, rispondere a domande importanti, e permette di costruire un «diario di bordo» personalizzato. Si può proporre tutto il percorso dall’inizio alla fine o attingere alle schede a seconda del proprio ruolo professionale, della fase d’intervento, del proprio modello operativo di riferimento o delle esigenze del caso specifico di cui ci si sta occupando. Tutelandia si rivelerà uno strumento prezioso di uso quotidiano, a tutela dell’efficacia professionale degli operatori e del benessere di bambini e famiglie, rivolto a psicologi, neuropsichiatri infantili, assistenti sociali, educatori, insegnanti, agenti di polizia giudiziaria, ma anche a genitori affidatari e adottivi.